Storia della Scuola

Home / Storia della Scuola

La Scuola “Santa Chiara d’Assisi” è un’istituzione cattolica guidata, con amore e dedizione, dalla Congregazione delle Suore Francescane Immacolatine. Fondata a Pietradefusi (AV) l’8 dicembre 1881 dall’ irpino Padre Lodovico Acernese (1835-1916), la Congregazione ebbe come modello e “maestra” di vita Teresa Manganiello: «un esempio di inimitabile altruismo e di amore cristiano», che ha saputo tradurre la parola di Dio nella realtà di tutti i giorni. Definita anche la merlettaia di Dio, la giovane Teresa non ha lasciato parole scritte – perché non sapeva scrivere –ma in compenso ha lasciato la sua vita come un testo meraviglioso di santità, per ogni tempo e per ogni generazione.
Nel corso del tempo, le Suore Francescane Immacolatine, forti di questi insegnamenti, hanno continuato a portare avanti anche il pensiero pedagogico del loro fondatore, Padre Lodovico Acernese, reclamando, tuttora, «un’istruzione più seria, informata ai principi incrollabili del Cristianesimo in quanto proprio attraverso l’insegnamento i giovani sono indirizzati verso un modo di pensare corretto o deviato, e sono educati ai grandi valori dello spirito». È per questo motivo che all’educazione dell’intelletto, attuata attraverso il dialogo e il rapporto fra docente e discente, si accompagna anche l’educazione della volontà. Quest’ultima, come scriveva il cappuccino irpino, è un momento fondamentale per la formazione di un individuo, perché : “L’uomo è persona libera e pensante”. Con l’attività razionale conosce, con la volontà ama e sceglie liberamente e responsabilmente. Da qui, l’invito a cercare non tanto la “novità” quanto la verità, perché egli pensava che «ogni contagio morale era figlio del contagio ideale», cioè della cultura dominante che spesso contiene errori ideologici che influiscono negativamente sulla formazione dei giovani, delle famiglie e della società, oggi sempre più “macchiata” da violenza e guerre. Animate da questi forti e sani principi morali ed umani, da oltre 100 anni le Suore Francescane Immacolatine hanno formato intere generazioni di uomini e cristiani, guidandoli nello sviluppo della propria personalità e all’apertura interculturale. La loro presenza ad Avellino risale al 1937, quando, su richiesta del Vescovo di Avellino, Mons. Francesco Petronelli, assunsero la direzione dell’Orfanotrofio maschile della città comprendente una sezione in via Carmine e una in via Regina Margherita. Le suore si interessarono di fornire accanto alle cure necessarie (vitto, vestiario, pulizia ecc.), soprattutto una solida educazione morale, religiosa e civile ai ragazzi. Come si legge nella convenzione stipulata, le suore avevano l’obbligo dell’insegnamento nelle prime due classi elementari e quello dell’educazione morale e spirituale dell’utenza. L’acquisto di una casa propria dell’ Istituto in Avellino, in via Circumvallazione n. 27 (oggi via Iannacchini n.13) si concretizzò con una bellissima e nuova palazzina del sig. Francesco Farese.
Alla casa fu apposta la scritta “Suore Francescane Immacolatine. Istituto Acernese”. L’acquisto avvenne il 7 luglio 1938 e le prime Suore si stabilirono nel settembre del 1939. Tale sistemazione fu idonea per accogliere le ragazze dai paesi limitrofi privi di scuole, per farvi studiare le postulanti della Congregazione assieme alle giovani suore. Nel 1939 si ottenne l’autorizzazione del Provveditorato agli Studi per il funzionamento del Convitto con circa nove convettrici. Nel 1940/41, assieme all’asilo e alla scuola elementare funzionò anche la pensione; nei due anni successi, in tempo di guerra, la Casa ospitò anche molti profughi, nonché la sede della Scuola Magistrale. Nel corso degli anni, la Comunità religiosa si estese per numero e qualità, sotto l’occhio vigile della Madre Generale, tant’è vero che nel 1951 iniziarono i primi lavori d’ampliamento del Convitto, dopo l’acquisto di un fabbricato attiguo. Dieci anni più tardi, venne inaugurato un nuovo locale per Asilo Infantile e Scuole Elementari, in via Tenente Corrado, dotato di tutti i conforts moderni, vicinissimo ma distaccato dal Convitto. Successivamente, e per l’esattezza nel 1966, iniziò nella scuola elementare l’insegnamento per la prima e la seconda classe, in via Tenente Corrado e, solo dal 1967, in via Iannacchini. Il 21 marzo 1969 la Superiora Generale firmava il contratto con l’ing. Silvestri, per i lavori di restauro e trasformazione della Casa. Il 5 giugno dello stesso anno, arrivava la comunicazione del Ministro della Pubblica all’ Istruzione, a mezzo del Provveditorato agli Studi di Avellino, che accordava all’Istituzione la parifica del 1 ciclo della Scuola elementare Santa Chiara d’Assisi. Da quel lontano 1969 sono state numerose le delibere ed i cambiamenti apportati all’istituzione scolastica, fino a farla diventare quella che è oggi: una scuola parificata paritaria, primaria e dell’infanzia, che educa le future generazioni verso l’amore cristiano nella cornice di ampi orizzonti culturali.